Ok

By continuing your visit to this site, you accept the use of cookies. These ensure the smooth running of our services. Learn more.

24/07/2018

Amico Tempo

Mi accorgo che sono già due mesi che non scrivo qui.... come passa il tempo.

Il tempo appunto, quell'entità di cui abbiamo una percezione soprattutto misurata sui cambiamenti fisici nostri e di chi conosciamo, ma del quale, nonostante questo, quando pensiamo, quando elaboriamo programmi per un momento che verrà, dimentichiamo l'esistenza e non teniamo conto del fatto che, quando quel momento sarà giunto, non saremo più gli stessi, anzi nulla sarà più lo stesso di prima.

Ecco, noi ragioniamo come se fossimo eterni, una specie di fermo immagine, mentre il tempo, che è poi il nome che attribuiamo a quel mutamento che in ogni essere avviene incessantemente fino al limite di renderlo privo di vita, procede silenzioso, nascosto... come quei programmi del computer che operano in background, senza essere visti, senza accorgersi che loro stanno lavorando.

E' così... e invece la percezione della temporaneità, della precarietà, dell'essere effimeri, è essenziale, non tanto per vivere la nostra esistenza con timore, quanto con serena e disincantata consapevolezza.

Commenti

Che è mai la vita? / è l'ombra d'un sogno fuggente.
Giosuè Carducci, Rime e ritmi, 1899

La vita è breve e noiosa; la si passa tutta a desiderare; si rinviano riposo e gioie al futuro, all'età in cui i beni più preziosi, salute e giovinezza, sono già scomparsi. Arriva quel momento che ci sorprende ancora in balia dei desideri: siamo a quel punto quando la febbre ci afferra e ci spegne; se guarissimo, sarebbe solo per desiderare più a lungo.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La vita è breve, se non merita tale nome che quando è gradevole, giacché, se si cucissero assieme tutte le ore che si trascorrono con chi ci piace, di un gran numero di anni si farebbe a malapena una vita di alcuni mesi.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La vita è un brivido che vola via / è tutto un equilibrio sopra la follia.
Vasco Rossi, Sally, 1996

Di qui a un secolo di noi non c’è più nessuno.

Scritto da: Lella | 24/07/2018

Rispondi a questo commento

Sei ottimista, Lella... :D

Scritto da: Enrico | 24/07/2018

Sì, eh...di noi, anche nel senso dei bambini appena nati :-)

Scritto da: Lella | 24/07/2018

Rispondi a questo commento

Sì, certo certo... ;)

Scritto da: Enrico | 24/07/2018

Ma il migliore è sempre Vasco

Scritto da: Lella | 24/07/2018

Rispondi a questo commento

Scrivi un commento